Breaking News

SPORT, CULTURA E SOLIDARIETA’

SPORT, CULTURA E SOLIDARIETA’

Lunedì 30 maggio l’Associazione Sport e Cultura ha proposto presso la Scuola dello Sport a Roma, un incontro-talk show dove il padrone di casa,  Marco Di Paola, ha invitato a confrontarsi sul tema della moderna gestione dello sport manager, tecnici, atleti. Tutti hanno concordato che  lo sport va gestito tenendo conto di quelle che sono le esigenze e le spinte che vengono dalla società attuale, che i modelli “elitari” vanno aperti ad un ‘ampia partecipazione dei giovani e delle scuole, che solo promuovendo una reale “cultura dello sport” esso può diventare uno strumento culturale attivo nel mondo moderno. Tutto ciò senza tralasciare l’altro fondamentale aspetto, quello della solidarietà. Il Presidente CIP Luca Pancalli ha sottolineato come gli sport paralimpici costituiscano una grande opportunità di integrazione, la possibilità di “mettersi in gioco” anche dopo gravi traumi o nonostante la presenza di patologie congenite e come non sia il caso di parlare di “atleti disabili”, ma piuttosto di atleti che – come tutti – lottano con grandi sacrifici per arrivare ai risultati. Infine le testimonianze di alcuni grandi campioni dello sport hanno fatto comprendere ai numerosissimi presenti come essere uno “sportivo” non vogla dire solo fare il record e vincere la medaglia, ma sia anche un modo di vivere, di rapportarsi con gli altri e condividere valori ed emozioni.


Tags assigned to this article:
CIPintegrazionemarco di paolasolidarietàsport

Related Articles

RESILIENZA: IL LIBRO DI MATTEO SIMONE

La resilienza  è la capacità di reazione positiva in casi di accadimenti traumatici, quando ci si trova a dover dare

CAVALLI E MALATTIA DI PARKINSON: UN INCONTRO POSSIBILE?

RIABILITAZIONE ASSISTITA CON EQUIDI E SUA POTENZIALE APPLICAZIONE NELLA MALATTIA DI PARKINSON Quasi 100 persone, fra studenti, tecnici equestri, biologi,

DALLA SELLA AL RUNNING: SEMPRE VINCENTI!

Ada Ammirata, l’amazzone paralimpica GIP, dopo tante vittorie a livello nazionale ed internazionale nel paradressage, si è presa un pò