Breaking News

  • Non ci sono articoli recenti

MALATTIA DI PARKINSON: LA RIABILITAZIONE E’ ANCHE SPORT E DIVERTIMENTO

MALATTIA DI PARKINSON: LA RIABILITAZIONE E’ ANCHE SPORT E DIVERTIMENTO

Il 26 novembre presso la Fondazione S. Lucia di Roma si è svolta la giornata sulla riabilitazione nella Malattia di Parkinson, organizzata dalla Dott.ssa Antonella Peppe, neurologa particolarmente esperta in questa patologia. Ai numerosissimi intervenuti, oltre le tecniche medicdrugstore2015.com di riabilitazione “tradizionali” sono state proposte anche altre attività come Nordic walking, tango e riabilitazione equestre, che per i loro benefici effetti su equilibrio e postura, oltre che per l’alto potenziale aggregativo, spostano il focus della riabilitazione dal campo strettamente “sanitario” ad un ambito dove anche lo sport e il divertimento sono parti integranti dell’intervento. In particolare, per quel che riguarda la Riabilitazione Equestre, Stefania Cerino del GIP ha presentato gli incoraggianti risultati del primo progetto pilota avviato nel settore, attualmente in corso di pubblicazione. Il GIP sarà lieto di fornire a tutti gli interessati le informazioni di cui potranno aver bisogno e sottolinea anche la possibilità di accedere a programmi specifici di sostegno per i caregivers approntanti dalla Associazione Mind della dott.ssa Cinzia Correale.

info: info@gruppoitalianoparaequestre.it, cinzia.correale@gmail.com


Tags assigned to this article:
care giversparkinsonriabilitazione equestre

Related Articles

RIABILITAZIONE EQUESTRE E COMUNICAZIONE SOCIALE NEI BAMBINI AUTISTICI: UN INTERESSANTE ARTICOLO

The Association Between Therapeutic Horseback Riding and the Social Communication and Sensory Reactions of Children with Autism Sandra C. Ward

SITO GIP

SITO GIP Il nuovo sito GIP è un’occasione per ringraziare tutti gli amici che seguono le attività Gip, la pagina

NO-PROFIT: PROGETTI SOCIALI, BANDI E FINANZIAMENTI

Il settore no-profit fonda le sue attività essenzialmente sulla disponibilità dei volontari che offrono il loro tempo e la generosità